Aruba

Recensione presa da http://www.gnoccatravels.com/

Ciao per chi sta andando a fare una bella vacanza a Cuba oppure attracca con qualche crociera vorrei dirvi che ad Aruba c’è molta gnocca a pagamento,bordelli,distretto a luci rosse si che trova in: San Nicolas Street
Aruba

L’isola di Aruba sta vivendo un periodo di crescente notorietà, tant’è che l’anno scorso è stata la meta che ha registrato il maggiore aumento del numeri dei visitatori seguita, nell’area caraibica,  preceduta solo da Cuba.

Perché tanto successo? I suoi punti di forza sono sicuramente le spiagge candide, il mare turchese e cristallino, il clima soleggiato tutto l’anno, ma anche, e soprattutto, la sicurezza che si respira sull’isola, l’ampia ed eccellente offerta di resort, l’ottima ristorazione, i paesaggi mutevoli e incantati. Scopriamoli.

Nel cuore dei Caraibi del Sud, estesa per 180 km quadrati, Aruba è il prototipo del paradiso tropicale. Un’isola ricca di storia, in un mix affascinante di culture e tradizioni.

Per gli amanti del mare sulla costa sud ovest si estendono 11 km di spiagge bianche incontaminate, tra le più belle al mondo ( anche secondo la comunity dei viaggiatori di TripAdvisor).

La costa nord orientale è caratterizzata invece da paesaggi brulli e da chilometri di litorale intatto, perfette per escursioni avventurose in jeep, quad o a cavallo.

L’entroterra è colorato da una folta boscaglia, molte varietà di cactus e meravigliose formazioni rocciose: gli alberi più famosi dell’isola sono i divi-divi, tutti permanentemente scolpiti in inconsuete forme piegate dagli alisei.

Il sole splende tutto l’anno – La fortuna più grande di Aruba è quella di trovarsi fuori dalla rotta degli uragani, al sicuro da piogge e temporali e quindi visitabile tutto l’anno. Aruba è l’isola con più giornate di sole tra tutte le isole dei Caraibi, ma è allo stesso tempo costantemente rinfrescata dai venti alisei che soffiano praticamente ogni giorno.

La temperatura media è di 28 gradi, con picchi più alti da maggio a ottobre e più bassi da dicembre a marzo.

Palm Beach e Eagle Beach – Le due spiagge più famose dell’Isola, dove sorge la quasi totalità dei Resort e dove si sviluppa la vita turistica, sono Palm Beach e Eagle Beach. Palm Beach è sede degli hotel più glamour, con ristoranti goourmet, boutiques, bar sulla spiaggia e centri per gli sport acquatici.

Eagle Beach è invece più tranquilla e appartata rispetto a Palm Beach, ideale per chi vuole abbandonarsi al completo relax. Riconosciuta come una delle più belle spiagge al mondo, Eagle Beach è conoscuta anche per gli alberi più fotografati dell’Isola, i famosi divi divi. Ad Aruba è d’obbligo una giornata di snorkeling.

Oranjestad e l’architettura coloniale- Oranjestad, graziosa cittadina di 30.000 abitanti, è la capitale di Aruba e si trova nella pittoresca costa sud dell’isola. Una città colorata, allegra e molto tranquilla, piacevole da visitare: la sua particolare architettura nasce dalla fusione dello stile olandese e spagnolo.

Le case hanno tutte le sfumature dei colori pastello, dal giallo al rosa all’azzurro e ospitano piccoli musei, boutique e graziosi ristoranti dove il pesce fresco è servito tutto il giorno.

Natura selvaggia nel Parco Airkok – Tappa obbligata per chi ama la natura, Parco Airkok è una grande e ricchissima riserva naturale che ricopre ben il 18% dell’Isola. All’interno si trovano siti storici, formazioni geologiche uniche, e una variegata flora e fauna.

Il parco, così come tutta la costa Nord, può essere visitato con un’escursione organizzata da una delle numerose agenzie dell’isola, oppure può essere scoperto in autonomia noleggiando un quad o un fuoristrada.

Ospitalità raffinata – La qualità dell’offerta ricettiva di Aruba è decisamente alta. Il turista ha la possibilità di scegliere tra tipologie di strutture molto diverse, e anche in quelle più semplici ed economiche non scade lo standard qualitativo. La zona prettamente turistica dell’isola è quella che sorge sui famosi 11 km di spiaggia bianca di Palm Beach e Eagle Beach.

In cucina un mix di sapori– Il mix multi-culturale di Aruba si riflette anche nella variegata cucina locale dell’Isola, che vanta piatti con una spiccata influenza olandese, sud americana e caraibica.

Oggi i ristoranti locali propongono ricchi piatti a base di frutti mare, come il wahoo, il dentice, la lampuga e il barracuda, cucinati in svariati modi (alla griglia, in padella, o affumicati).

Il Pisca hasa crioyo, è il piatto tipico della cucina creola di Aruba, cucinato nella maggior parte dei ristoranti dell’isola e servito con fette di pane, salsa a base di cipolla, pomodoro, piselli e aglio. Error, group does not exist! Check your syntax! (ID: 3)

Lascia un commento