LA PROFESSORESSA INTRATTIENE UNA RELAZIONE CON IL SUO ALUNNO

A Prato una 35 enne è stata denunciata per aver avuto rapporti sessuali con il figlio, all’epoca 13 enne, di una coppia di conoscenti al quale faceva ripetizioni di inglese. La donna sposata e infermiera arrotondava lo stipendio facendo l’insegnante di lingua inglese. Ma la storia non finisce qua, oltre al rapporto sessuale la donna […]

A Prato una 35 enne è stata denunciata per aver avuto rapporti sessuali con il figlio, all’epoca 13 enne, di una coppia di conoscenti al quale faceva ripetizioni di inglese.

La donna sposata e infermiera arrotondava lo stipendio facendo l’insegnante di lingua inglese. Ma la storia non finisce qua, oltre al rapporto sessuale la donna è rimasta incinta del giovane amante nascondendo tutto al marito e facendogli credere fosse il suo.

LA PROFESSORESSA INTRATTIENE UNA RELAZIONE CON IL SUO ALUNNO

La conferma della paternità dell’adolescente ci viene data dall’esito della prova del dna.

Il dna del bambino partorito dalla donna solo 5 mesi fa e del giovane ragazzo coincidono, ora dunque ci sarebbe anche la possibilità che il figlio possa esserle tolto.

La donna rimane indagata per atti sessuali con minore e per avere intrattenuto una relazione con un minorenne. Secondo gli avvocati della donna , che durante l’esito del Dna si trovava con il marito di fronte agli inquirenti per delle dichiarazioni spontanee, la verità dei fatti prescinde da questo risultato.

La 35 enne è stata sentita per oltre due ore e mezza ma l’interrogatorio è stato secretato fino alla chiusura delle indagini.

La professoressa è arrivata in procura con il marito che peraltro ha riconosciuto il bambino come proprio.

all’interrogatorio erano presenti oltre che ai sostituti procuratori anche il capo squadra che attualmente sta svolgendo le indagini.

La denuncia è stata sporta dai genitori del giovane ragazzo qualche settimana fa dopo che la 35 enne ha rivelato all’adolescente la nascita del bambino mettendolo in agitazione.

Ora necessario saranno le indagini, nel frattempo sono stati sequestrati i telefoni dei due protagonisti affinché venga ricostruita la dinamica della relazione.

Error, group does not exist! Check your syntax! (ID: 3)

Lascia un commento